SOLLECITO DI PAGAMENTO DA AGENZIA ENTRATE-RISCOSSIONE: ECCO COSA FARE.

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Molti cittadini stanno ricevendo, in questi giorni, solleciti di pagamento da parte di Agenzia Entrate-Riscossione per vecchi bolli e multe non pagate o tributi quali Irpef, imposta di registro.

Da una sommaria analisi delle cartelle portate al nostro esame da cittadini che si sono rivolti a noi, è emerso che la maggior parte delle somme richieste sono prescritte per decorso dei termini di legge quindi non dovute!

Invitiamo tutti i cittadini a verificare (prima di pagare o richiedere una rateizzazione) se le somme richieste siano realmente tutte dovute oppure no. Il nostro Ufficio Legale verificherà gratuitamente le Vostre cartelle di pagamento.

Il sollecito di pagamento, spedito per posta semplice, è un “promemoria” che viene inviato al cittadino debitore con invito a mettersi in regola con i pagamenti.

Di certo, tali solleciti non c’è da prenderli mai sottogamba e bisogna pensare al da farsi sia perché possono decorrere i termini per fare ricorso, sia perché potrebbe scattare un fermo, un’ipoteca o un pignoramento.

Invitiamo tutti i cittadini che hanno ricevuto cartelle, ingiunzioni o solleciti da Agenzia Entrate-Riscossione a rivolgersi alla nostra sede per dubbi, domande o consigli.

Richiedi informazioni